Teaspa

Il ciclo idrologico

 

L’acqua presente in natura circola e si trasforma nell’idrosfera seguendo dei percorsi che costituiscono il cosiddetto “ciclo idrologico”.

Il ciclo idrologico non ha principio né termine. A mano a mano che l’acqua evapora dagli oceani e dalle terre, essa diviene parte dell’atmosfera. Il vapore s’innalza ed è trasportato per l’atmosfera sino a che si condensa e precipita sulla terra o sul mare. L’acqua precipitata può essere intercettata dalle piante o traspirata, può scorrere in superficie o venir giù per declivi fra strati diversi del terreno, oppure può infiltrarsi sottoterra. L’acqua che rimane alla superficie riempie le zone più basse, si raccoglie e poi evapora oppure, dopo essersi raccolta, scorre via in un secondo tempo.

Gran parte dell’acqua intercettata e traspirata e di quella che scorre sul terreno ritorna nell’atmosfera in seguito ad evaporazione. L’acqua che si infiltra nel terreno può raggiungere le regioni più profonde ed ivi raccogliersi sotto forma di acqua sotterranea, per uscir quindi fuori come sorgente od incanalarsi in un corso d’acqua entrando a far parte delle acque di scorrimento, ed evaporare infine nell’atmosfera per completare così il ciclo idrologico.

In tal modo, nel ciclo idrologico hanno luogo complicati processi di condensazione, precipitazione, evaporazione, intercettamento, traspirazione, infiltrazione, ritenzione, detenzione, dilavamento di superficie, incanalamento, scorrimento.

In linea di principio il ciclo idrologico è semplice: in pratica esso è enormemente complesso e intricato. Non è costituito da un unico grande ciclo, ma piuttosto da un gran numero di cicli, ristretti a continenti, regioni e zone locali, i quali, tutti, sono componenti collegate e interdipendenti del sistema globale (tab.3).

A mano a mano che la società umana si evolve, ulteriori effetti sul regime delle acque dovuti alle opere ed alle attività dell’uomo si aggiungono prepotentemente alle condizioni ambientali dell’acqua e disturbano conseguentemente l’equilibrio dinamico del ciclo idrologico naturale, dando l’avvio a nuovi processi idrologici e a nuovi fenomeni.